Ti trovi in:  Come fare per
COME FARE PER

IUC - Modulistica IMU - Modello di Dichiarazione

Descrizione:
La dichiarazione IMU va presentata nei casi previsti dall’articolo 13, comma 12-ter, del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201, ed espressamente indicati nelle istruzioni relative al modello.
L’obbligo dichiarativo IMU sorge solo nei casi in cui sono intervenute variazioni rispetto a quanto risulta dalle dichiarazioni ICI già presentate, nonché nei casi in cui si sono verificate variazioni che non sono, comunque, conoscibili dal comune. Dalle istruzioni risulta che la dichiarazione IMU deve essere presentata quando:
- gli immobili godono di riduzioni dell’imposta;
- il comune non è in possesso delle informazioni necessarie per verificare il corretto adempimento dell’obbligazione tributaria.
La dichiarazione deve essere presentata in tutti i casi in cui il contribuente non ha richiesto gli aggiornamenti della banca dati catastale.

Come Fare:
La dichiarazione IMU deve essere presentata al comune nel cui territorio sono ubicati gli immobili. Per ogni dichiarazione presentata il comune deve rilasciare la ricevuta.
La dichiarazione può essere presentata anche a mezzo posta, mediante raccomandata senza ricevuta di ritorno, in busta chiusa recante la dicitura "Dichiarazione IMU 20 _ _" e deve essere indirizzata all'ufficio tributi del comune competente, oppure, trasmessa in via telematica con posta certificata.
La spedizione può essere effettuata anche dall'estero a mezzo lettera raccomandata o altro mezzo equivalente dal quale risulti la data di spedizione. La data di spedizione è considerata come data di presentazione della dichiarazione.


SOGGETTI OBBLIGATI

L’obbligo dichiarativo IMU è a carico dei seguenti soggetti passivi:
- proprietario di fabbricati, aree fabbricabili e terreni a qualsiasi uso destinati, compresi quelli strumentali o alla cui produzione o scambio è diretta l'attività dell'impresa; il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi;
- ex coniuge affidatario della casa coniugale in quanto si intende in ogni caso titolare di un diritto di abitazione;
- concessionario nel caso di concessione di aree demaniali;
- locatario per gli immobili, anche da costruire o in corso di costruzione, concessi in locazione finanziaria.
Nel caso in cui vi siano mutamenti relativi a tale soggettività passiva, nei soli casi in cui sussiste il relativo obbligo, le variazioni devono essere dichiarate sia da chi ha cessato di essere soggetto passivo sia da chi ha iniziato a esserlo.

Informazioni specifiche:
ABITAZIONE PRINCIPALE E PERTINENZE

L’obbligo dichiarativo non sussiste per gli immobili adibiti ad abitazione principale, in questo caso, la conoscenza da parte del comune delle risultanze anagrafiche fa venire meno la necessità di presentazione della dichiarazione.
Un’eccezione a tale principio si verifica nell’ipotesi in cui i componenti del nucleo familiare abbiano stabilito la dimora abituale e la residenza anagrafica in immobili diversi situati nel territorio comunale e le agevolazioni per l’abitazione principale e per le relative pertinenze in relazione al nucleo familiare si applicano per un solo immobile. In questi casi sussiste l’obbligo dichiarativo a carico del soggetto passivo che beneficia delle agevolazioni per l’abitazione principale e relative pertinenze.
Nel caso di pertinenze dell’abitazione principale non sussiste l’obbligo dichiarativo in quanto il comune dispone di tutti gli elementi necessari ai fini della verifica dell’esatto adempimento degli obblighi relativi al versamento dell’imposta.
Anche per i fabbricati rurali ad uso strumentale non è necessario presentare la dichiarazione IMU.

Quando:
Riapertura dei termini per le dichiarazioni Imu omesse. Tutte le variazioni che hanno generato l'obbligo dichiarativo e che sono intervenute nel 2012, potranno essere rese note al comune, con l'apposito modello, entro il 30/6/2013. È quanto si ricava dall'art. 10 c.4, del dl 35/2013 nella versione approdata sulla G.U. dell'8 aprile.

Tempistica:
Il dl 35/2013 ha cancellato sia la scadenza del 4/2/2013, che interessava le modificazioni rilevanti ai fini dichiarativi intervenute tra l'1/1/2012 e il 6/11/2012, sia il termine «mobile» dei 90 giorni entro il quale il contribuente avrebbe dovuto denunciare le variazioni verificatesi dal 7/11/2012 in poi. In entrambi i casi si fa ora riferimento al 30 giugno dell'anno successivo a quello della variazione.

Collegamenti:
- I.M.U. - Compilazione guidata online della Dichiarazione I.M.U.
Documenti allegati:
Modello Dichiarazione IMUModello Dichiarazione IMU (40,37 KB)

Istruzioni per la compilazione della dichiarazione IMUIstruzioni per la compilazione della dichiarazione IMU (203,59 KB)



Comune di Crodo, Via Pellanda, 56
28862 Crodo (VB) - Telefono: +39.0324.61003 Fax: inattivo
C.F. 00422760033 - P.Iva: 00422760033
E-mail: protocollo@comune.crodo.vb.it   E-mail certificata: comune.crodo.vb@cert.legalmail.it